Il tabù della cannabis nel settore sanitario

% B% d,% Y 4 lettura min

4 Commenti

The Taboo of Cannabis in the Health Sector - El Capitan | Smoking Accessories

Quando fai qualsiasi carriera legata alla salute, l'aspetto terapeutico della cannabis non è valutato come una possibile terapia adiuvante. Ci sono argomenti in cui è forse menzionato, ma di solito coincide con il suo carattere narcotico. 

La mia esperienza personale nel mondo del lavoro sanitario mi ha portato a incontrare pazienti che fanno uso terapeutico della cannabis, senza un monitoraggio professionale e che la ottengono sul mercato nero o sull'autocoltivazione. Ho iniziato a lavorare in ospedale nel 2007 come assistente infermieristica. Ho incontrato pazienti che non avevano paura di confessarmi di essere consumatori di cannabis, mentre non erano in grado di dirlo ai medici. Si sono sentiti discriminati e hanno paura di essere rimproverati in molte occasioni. Se in confidenza ho chiesto loro perché stavano usando la cannabis, la risposta è stata: "perché si sente bene, mi dà sollievo". La maggior parte di loro erano pazienti oncologici e palliativi.

Le infermiere hanno generato una fiducia che ottiene che i pazienti ci contino certe intimità. Quando mi hanno spiegato come hanno ottenuto la marijuana, ho spesso avuto i brividi. In quel momento le associazioni di cannabis non esistevano e non ho smesso di immaginare quella signora di 60 anni, che prendeva la macchina e chiamava alla porta di uno sconosciuto per ottenere un piccolo sollievo dal dolore. Mi chiedevo: e se un giorno le succede qualcosa, come fa a sapere che questa erba è priva di pesticidi? Molte delle persone che consumano cannabis terapeutica sono immunocompromesse, chi assicura loro che non fumano un fungo? A poco a poco stavo scoprendo e imparando a conoscere i miei pazienti che consumano cannabis terapeutica. Questo mi ha fatto riflettere sulla necessità di indagare e aprirci alla possibilità di utilizzare la cannabis come terapia. 

cannabis weed in hand for medicine El Capitan


Nel 2014 ho iniziato a lavorare come infermiera. Ricordo ancora la gioia che fu di finire la gara dopo tanta fatica, la voglia con cui si parte per imparare e la testa giovanile di voler mangiare il mondo. Suppongo che gli infermieri che hanno terminato quest'anno inizino la loro carriera professionale molto diversa dalla mia: con voglia ma con paura per via di questa pandemia che ci sta addosso. Ho iniziato come tanti altri, girando per l'ospedale di servizio in servizio, imparando tutte le specialità fino a quando un giorno ti mettono in un determinato reparto. Fortunatamente per me, ha aperto le porte per scoprire la relazione tra cannabis e cancro. Tra una cosa e l'altra, ho visto una moltitudine di pazienti per i quali la cannabis era già più normalizzata, inoltre esistevano già associazioni di cannabis (CSC).

Nonostante ciò, ho continuato a trovare la paura di molti pazienti da catalogare come consumatori di farmaci e che li inserissero nella storia clinica. Nell'anno 2015 ho iniziato a lavorare come infermiera di Anestesia, Rianimazione e cura del dolore in sala operatoria, sai quante persone, stando in barella davanti alla sala operatoria, mentre facevo l'anamnesi a loro non dicevano a me che hanno consumato o erano stati consumatori di cannabis per anni? Immagina la paura di essere discriminata che hanno le persone. Solo nel 2017, dopo la fiera Spannabis, ho avuto il mio primo contatto con il mondo della cannabis terapeutica. Il rapporto tra consumatori e disturbi come la stanchezza cronica, la fibromialgia, la sclerosi multipla, i bambini affetti da epilessia refrattaria che i genitori non sanno più che fare, ecc. persone a cui molte medicine convenzionali hanno fallito e devono andare alla cannabis come ultima risorsa. Ad ogni modo, non sono stati solo i miei pazienti ad aiutarmi a vedere i benefici della cannabis, è stata anche la mia esperienza: molti dei miei colleghi si automedicano con le benzodiazepine, il mio approccio è stato il seguente: perché dovrei voler prendere qualsiasi MAP (lorazepam , diazepam, lormetazepam, alprazolam, ecc.), o qualsiasi benzodiazepina molto più dannosa di un uso consapevole e controllato della cannabis? Personalmente come infermiera mi sento responsabile di educare la popolazione e di prevenire e ridurre i rischi.

Grazie alla comparsa delle associazioni di cannabis molte persone non devono più andare al mercato nero, perché le persone con problemi di salute devono nascondersi e devono mettere a rischio la loro salute? Come personale sanitario siamo scienziati, le nostre argomentazioni si basano sulla scienza.

Sono emersi diversi gruppi di professionisti della salute e scienziati che sostengono il diritto delle persone a decidere se vogliono o meno fare un uso terapeutico della cannabis. Ci sono molti articoli scientifici in cui si studiano le proprietà della cannabis, ma nonostante ciò sono necessarie ulteriori ricerche. La maggior parte dei congressi a cui sono stato per concludere che è necessaria più ricerca scientifica. Questo 6 e 7 ottobre si tiene il 3° congresso Cannabmed. Quest'anno 2020 a causa del COVID-19 viene ritrasmesso on-line. Vi invito a seguirlo o anche a vedere le precedenti edizioni su Youtube. Ascolta i professionisti ma soprattutto non perdere le esperienze dei pazienti!

 

Articolo scritto da:

Jamila A. Manozzo Hernandez
@greennursehc

 


4 Risposte

Joey Sunday
Joey Sunday

% B% d,% Y

We need more websites talking about this! I can’t believe that nowadays with all the public data about the health benefits of regulated use of medical marijuana people are still seeking traditional medicine and pills. Time for change!

Martina
Martina

% B% d,% Y

Guys! love this article. There need to be more awareness of this. Will share! thanks for bringing topics like this up.

Miriam Morgenstein
Miriam Morgenstein

% B% d,% Y

In Germany we are in a similar situations, in most Hospitals it’s still seen as something to be afraid of. But I do think that slowly the discussion is finding it’s way to the mainstream – in the clinic that I work with, more and more times we describe CBD oils as alternative to pain killers. I hope others follow our example soon :) keep up the good work guys!

Pete
Pete

% B% d,% Y

This topic needs to be discussed more, great article. Just wish I would find this in a major news side, I guess we still need to wait for the mainstream to understand the value of Cannabiods.

lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere visualizzati.


Anche in Il blog del capitano

Find Cannabis in Tenerife | Join a Cannabis Social Club
Find Cannabis in Tenerife | Join a Cannabis Social Club

% B% d,% Y 2 lettura min

There are many different ways to find cannabis in Tenerife. In general, it is definitely not hard to find weed, but we recommend you follow some guidelines to ensure you stay safe and get access to good-quality cannabis.
Leggi di più
Find Cannabis in Tenerife | Join Cannabis Club Tenerife
Find Cannabis in Tenerife | Join Cannabis Club Tenerife

% B% d,% Y 4 lettura min

Spain has a slightly more open-minded approach to marijuana than other countries. You are permitted to grow one plant per person in your home. The smell of the plants should not cause any disturbance to neighbors in the area.
Leggi di più
Where to buy weed in Valencia
Where to buy Weed in Valencia | Join Cannabis Club Valencia

% B% d,% Y 3 lettura min

Valencia is such an incredible city in Spain and you might just want to enjoy a fat joint while you’re there.You can legally obtain weed in Valencia without worrying about the safety.
Leggi di più